Simon Konianski

E’ una commedia divertentissima e se il regista avesse osato di più sarebbe stata un cult. E’ un film sugli ebrei che parla degli ebrei, con il loro esilarante (e classico) umorismo.

Nella prima parte parla del rapporto tra tre generazioni: padre, figlio e nonno. Il nonno muore e diventa un road movie (non vi rovino nulla succede nella prima mezzora). Padre, figlio, fratello e sorella del defunto partono per l’Ucraina per andare a seppellire la salma in un luogo sperduto: in un cimitero dove é sepolta la prima moglie del vecchio.

Vengono tirati in mezzo i nazisti, i russi e ci sono dei momenti in cui piangi dalle lacrime.

“Volevo dirle di ricordarsi del Supradyn”

La palma alla miglior scena comica va al breve monologo del rabbino (sempre più capo tribù): “Lufthansa? No” (mai una linea area tedesca), in particolare quando per il trasporto del cadavere fa i conti con maniacale precisione con la calcolatrice, parla male delle strade ucraine e ricorda la scarsa ospitalità di quel paese. L’apice raggiunge quando suggerisci di seppellire il morto a Gerusalemme sul monte degli Ulivi “Una buona offerta lastminute”.

La parte amara riguarda la coscienza del passato e la scopertà dell’identità del protagonista ma di questo non voglio parlarvene per non rovinare a voi questa rinascita.

Guardatevelo se volete ridere e sorridere. Una discreta pellicola di formazione belga. Voto: 7/10.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: